Mondiali sci: ecco l’Italia che non ti aspetti!

Exploit azzurro alla 41.a edizione dei Mondiali di sci alpino tenutasi a Garmisch-Partenkirchen. Eguagliato il record di medaglie del 1997.

I medagliati azzurri nel mosaico che campeggia nell'homepage del sito della FisiC’è un’Italia che ride e di questi tempi non è affatto male. Un’Italia che funziona ma è pronta a cambiare. È l’Italia dello sci alpino, tornata a casa dai Mondiali tedeschi di Garmisch-Partenkirchen con sei medaglie e una polemica di troppo. Il presidente della Fisi Gianni Morzenti sembra infatti deciso, con l’avvallo del consiglio federale, a sollevare dal suo incarico il ct Claudio Ravetto. Esonerare il mister proprio quando arrivano le vittorie, una scelta poco comprensibile.

Lasciamo i palazzi del potere e i suoi giochi (magari un giorno torneremo ad occuparcene per capire quanto male facciano allo sport italiano) e passiamo a celebrare gli atleti. Sei medaglie dicevamo, un bottino così ricco mancava dal 1997, anno della doppietta d’oro di Deborah Compagnoni al Sestriere. Nelle ultime edizioni avevamo imparato ad accontentarci di molto meno: 3 medaglie in Svezia nel 2007 e 2 in Francia nel 2009. L’opaca stagione azzurra in Coppa del Mondo non faceva presagire di poter andare molto al di là di questi risultati.

A questo punto c’è sempre un invece. L’uomo che non ti aspetti (almeno non a questi livelli) e che fa saltare il banco. Per scovare il protagonista italiano a Garmisch basta fare silenzio ed ascoltare: un tintinnio proviene dal bagaglio di Cristof Innerhofer. Dentro, la collezione completa di medaglie iridate: l’oro del super G, l’argento della supercombinata e il bronzo della discesa. A podio in tre gare, un miracolo riuscito solo a Zeno Colò ad Aspen (Usa) nel 1950.

Non solo “Inner” però. I suoi successi sbloccano mentalmente il gruppo, si abbassa la tensione del risultato da raggiungere a tutti i costi e in un circolo virtuoso arrivano le medaglie di Peter Fill (bronzo in supercombinata), Manfred Moelgg (bronzo in slalom) e a difendere l’onore delle ragazze Federica Brignone (argento in gigante a soli 11/100 dall’oro). Da segnalare anche il 4° posto in gigante di una ritrovata Denise Karbon e il 6° posto della giovanissima Elena Curtoni (classe ‘91) in super G.

Riccardo Marchese
(per stadiosport.it)

Il sito ufficiale della manifestazione

Il sito della Fis

Il sito della Federazione Italiana Sport Invernali

I Mondiali di sci alpino 2011 su Wikipedia

Annunci

Pubblicato il 22 febbraio 2011, in Senza categoria con tag . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: