Mondiali Nuoto vasca corta – Scozzoli d’argento

Nella seconda giornata di gare arriva la prima medaglia per l’Italia: Fabio Scozzoli è secondo nei 100 rana. Domani i 400 sl con Federica Pellegrini e la finale dei 50 sl con Orsi e Dotto.

Due finali individuali, un podio e due sesti posti in staffetta (entrambi impreziositi dal record italiano). È questo il bottino azzurro dopo due giorni di gare ai Mondiali di nuoto in vasca corta di Dubai (impianto splendido ma tribune semideserte).
Due giorni di nuoto ad altissimo livello, come testimoniano anche i tre primati del mondo abbattuti nonostante l’abbandono dei costumi in poliuretano. La morale vien da sé: il movimento natatorio progredisce e chi si ferma è perduto. Chiedere a Filippo Magnini che nei 200 sl col crono di 1’44”21, un tempo che nella passata edizione dei mondiali (Manchester 2008) avrebbe garantito il podio, si è ritrovato fuori dalla finale!

AZZURRI Prima medaglia italiana conquistata da Fabio Scozzoli nei 100 rana. Il forlivese, già campione europeo della distanza, ha fatto segnare il suo nuovo primato personale senza superbody (57”13) che però non è bastato per finire davanti al sudafricano Cameron Van Der Burgh (56”80). Resta la crescita costante dell’atleta azzurro, passato dal 57”78 della finale dell’oro di Eindhoven, alla progressione in tutti i turni a Dubai (57”60 in batteria, 57”35 in semifinale). Un anno da incorniciare per lui questo 2010: l’anno delle prime medaglie internazionali importanti che ora son già sei!
Grande euforia in casa Italia anche per i velocisti Orsi e Dotto. Entrambi hanno ottenuto il pass per la finale dei 50 sl dopo delle prestazioni maiuscole in semifinale. Luca Dotto, primo degli esclusi al mattino e ripescato grazie alla rinuncia del giapponese Kishida, ha vinto la propria semifinale in 21"25 (suo nuovo primato personale), battendo di un centesimo il francese Alain Bernard. Ancora meglio ha fatto Marco Orsi sotto il profilo cronometrico: 21"10 preceduto solo dal superfavorito brasiliano Cielo Filho (20"61). Domani una finale in cui tutto può succedere.
Tornerà in acqua domani anche Federica Pellegrini dopo il 6° posto con tanto di record italiano nella staffetta lenta. Sarà il momento dei 400 stile, la gara degli incubi, quella dello stop forzato meno di un mese fa agli Europei in Olanda.

SUPER RYAN In casa americana l'assenza di Michael Phelps ha caricato oltre modo di responsabilità Ryan Lochte, atleta 26enne e vero specialista della vasca corta. Sono già due i titoli conquistati a Dubai con uno strapotere imbarazzante. Prima i 200 stile libero poi i 400 misti, gara in cui lo statunitense di Canandaigua, al terzo titolo iridato consecutivo, ha fissato il nuovo record del mondo (3'55"50). Primo nuotatore a stabilire un primato mondiale dopo l'epoca dei "costumoni" in una gara individuale.
Il mondiale di Lochte non è finito, anzi, saranno ancora molte le occasioni per migliorare il suo bottino di 8 ori mondiali individuali!

Il sito ufficiale della manifestazione

Tempi e risultati ufficiali (OmegaTiming)

Medagliere, risultati e tempi (Wikipedia)

 

Riccardo Marchese

Annunci

Pubblicato il 16 dicembre 2010, in Senza categoria con tag , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: