6Nazioni, per l’Italia il cucchiaio che non ti aspetti

Per l’ottava volta in 11 edizioni l’Italia del Rugby ha chiuso all’ultimo posto il 6Nazioni aggiudicandosi il poco ambito cucchiaio di legno.

Canavosio vola verso la meta contro la Scozia. (GazSport)Non ditelo al c.t. Nick Mallet, convinto di aver evitato l’onta della posata più odiata dai rugbisti, grazie alla vittoria sulla Scozia – ottenuta al Flaminio il 27 febbraio. Ai cronisti che gli chiedevano del terzo cucchiaio di legno consecutivo ha risposto seccato: “Quel cucchiaio di m… lo abbiamo evitato. E basta, non parliamone più”.
Le cose non stanno proprio così. In realtà il problema è che un regolamento per l’assegnazione del wooden spoon, per dirla all’inglese, neppure esiste. La consuetudine, di questo si deve parlare, è di assegnarlo alla squadra ultima in classifica. In questa edizione sul fondo c’è proprio l’Italia (una vittoria su cinque incontri) superata in extremis dalla Scozia che negli ultimi due turni ha strappato un pareggio all’Inghilterra ed un’inaspettata vittoria in Irlanda. Parte della confusione potrebbe essere nata anche dall’esistenza di un altro titolo simbolico: il withewash. Traducibile come “andare in bianco” spetta alla squadra del 6Nazioni che raccoglie solo sconfitte. Almeno da questo ci siamo salvati, ma il cucchiaio di legno ci tocca ancora…

Posate a parte il 6Nazioni 2010 ci ha fatto vedere un’Italia a tratti viva. La migliore prestazione forse non è stata neppure quella della vittoria sulla Scozia, ma l’onorevole sconfitta subita al Flaminio contro l’Inghilterra. Il meglio insomma lo abbiamo dato all’inizio, a febbraio – sfruttando anche il fattore casa – rispetto alle due brutte trasferte di marzo in Francia e Galles. Da non dimenticare poi la pesante assenza per tutto il torneo del capitano Sergio Parisse.
Tuttavia analizzando gli undici anni di 6Nazioni dell’Italia alcuni dati restano pessimi: in quattro edizioni abbiamo perso tutti gli incontri (2001, ’02, ’05, ’09); nel totale delle 28 trasferte siamo riusciti a non perdere solo in due occasioni (pari in Galles nel 2006 e vittoria in Scozia nel 2007); nelle 33 gare complessive contro Inghilterra, Francia e Irlanda abbiamo perso 33 volte, cioè sempre! Un problema anche mentale che va superato, questo il prossimo step. Per non restare eternamente imbrigliati nella lotta per evitare il cucchiaio di legno.

Riccardo Marchese
Annunci

Pubblicato il 23 marzo 2010, in 2010, Altro, Rugby con tag . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 1 Commento.

  1. All'Italia del rugby continua a mancagliene 1 per fare 31. Non ho visto le gare (non ho Sky, e le differite mi tolgono gusto), ma mi sembra sempre che quando funziona un reparto, non ne funziona un altro, se una 'fase' va bene, l'altra va male, etc… in tutto questo continuiamo ad avere ilmomento topico nella partita con la Scozia per decidere chi è il più scarso… Il tempo passa, le cose non migliorano e alle spalle c'è il solito discorso della cultura sportiva nel nostro Paese…

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: