Archivio mensile:agosto 2007

Milan implacabile, più del Siviglia

Il minuto di silenzio con i giocatori a centrocampo e l'immagine di Puerta sul maxischermo. ApNel ricordo di Antonio Puerta, calciatore del Siviglia scomparso in settimana, si è giocata a Montecarlo la finale di Supercoppa Europea.
In una strana atmosfera i rossoneri hanno vinto in rimonta per 3-1 con gol di Inzaghi (perfetto assist di Gattuso), Jankulovsky (stupenda conclusione a volo su invito di Pirlo) e Kakà (abile a ribattere in rete il rigore da lui stesso fallito). In precedenza il gol degli spagnoli era stato segnato da Renato.

Per il Milan si tratta del diciassettesimo trofeo internazionale (7 Coppe Campioni, 2 Coppe delle Coppe, 5 Supercoppe Europee, 3 Coppe Intercontinentali) mentre il Siviglia torna a perdere una finale dopo averne vinte cinque consecutivamente nelle ultime tre stagioni (due coppe Uefa, una supercoppa Europea, una coppa del re, una supercoppa di Spagna).

Tutta la partita è stata segnata dal clima di generale commozione, dal minuto di silenzio iniziale, alla dedica dei giocatori del Siviglia dopo il gol, fino agli attestati di solidarietà dei calciatori del Milan, scesi in campo come gli avversari con il nome di Puerta stampato sulle maglie. Tutto questo a porre un interrogativo: davvero non si poteva aspettare?  

Riccardo Marchese

Champions: ecco gli otto gironi

Sono stati sorteggiati a Montecarlo gli otto gironi della Champions League 2007/08 (finale il 21 maggio a Mosca).
Il Milan detentore del trofeo se la vedrà con il Benfica dell’ex Rui Costa, con il Celtic dell’ex Donati e con lo Shakhtar Donetsk di Lucarelli. 
La Roma tornerà ad affrontare il Manchester United (oltre a Sporting Lisbona e Dinamo Kiev), mentre la Lazio, qualificata dai preliminari, se la vedrà con Real Madrid, Werder Brema e Olympiakos.
Avversarie equilibrate per l’Inter: Psv, Fenerbache e Cska Mosca.

 

GRUPPO A: Liverpool, Porto, Marsiglia, Besiktas

GRUPPO B: Chelsea, Valencia, Schalke, Rosenborg

GRUPPO C: Real Madrid, Werder Brema, Lazio, Olympiakos

GRUPPO D: Milan, Benfica, Celtic, Shakhtar Donetsk

GRUPPO E: Barcellona, Lione, Stoccarda, Rangers

GRUPPO F: Manchester United, Roma, Sporting Lisbona, Dinamo Kiev 

GRUPPO G: Inter, Psv, Cska Mosca, Fenerbache 

GRUPPO H: Arsenal, Siviglia/Aek Atene, Steaua Bucarest, Slavia Praga

Howe sei un campione lo stesso

Andrew Howe, 22 anni, medaglia d'argento ai Mondiali. ApArriva la prima medaglia per l’Italia ai mondiali di atletica leggera di Osaka, la conquista l’atteso Andrew Howe, secondo nella gara di salto in lungo con la strepitosa misura di 8.47, nuovo record italiano.
La vittoria va al panamense Irving Saladino che proprio all’ultimo salto beffa l’azzurro con un incredibile 8.57, terzo posto per il redivivo americano, nonché campione in carica, Dwight Phillips (8.30).

Howe inizia la sua gara tra le difficoltà, solo al penultimo salto con 8.20 sale temporaneamente sul terzo gradino del podio. Domina da subito invece Saladino, prima con 8.30, come Phillips, poi con 8.46. La sfida si accende all’ultimo turno di salti, l’ucraino Lukashevych scalza Andrew dal terzo posto con 8.25, ma è allora che il ventiduenne italiano tira fuori gli artigli e passa al comando con 8.47, cancellando il precedente record italiano di Evangelisti (8.43). Per l’oro sembrerebbe fatta, Phillips non va oltre 8.22, ma Saladino gela tutti con il suo 8.57.

L’Italia cancella lo zero dal suo medagliere e raggiunge già l’obiettivo minimo di questa spedizione: fare meglio di Helsinki 2005 quando conquistammo solo un bronzo. Ora siamo ad un argento ma abbiamo anche altre carte da giocare.

Riccardo Marchese

Bentornato Campionato!

Kakà  (Ap)La serie A, quella vera, con la Juventus e con tutte le squadre a quota zero prima dell’inizio è finalmente ricominciata. Dopo una stagione in cui la B ha regalato più emozioni della serie maggiore, si riprende, tutti alla pari, almeno si spera.

La prima giornata ha visto tutte le big imporsi con sicurezza, tutte tranne l’Inter. I campioni d’Italia sono stati bloccati in casa dall’Udinese, mentre hanno convinto più delle altre Milan e Roma, vittoriose in trasferta rispettivamente con Genoa e Palermo. A valanga la Juventus che ha travolto 5-1 il Livorno grazie ad una tripletta di Trezeguet ed una doppietta di Iaquinta, vittoria anche per la Fiorentina, 3-1 in casa contro l’Empoli.

Cade invece abbastanza a sorpresa al San Paolo il Napoli, battuto dall’ordinato Cagliari di Giampaolo. Vittoria in trasferta anche della Sampdoria a Siena con bellissimi gol di Bellucci e Montella. Pareggio torrido fra Reggina e Atalanta, 1-1 e temperatura che sfiora i 40 gradi. 

Riccardo Marchese

Massa-Raikkonen cose turche

Massa e Raikkonen durante una fase della gara (Afp)La Ferrari coglie una fantastica doppietta sul tracciato di Istanbul e sfruttando il quinto posto di Hamilton (foratura all’anteriore destra della sua McLaren) riapre parzialmente il campionato del mondo. Il pilota britannico vede ridurre il proprio vantaggio oltre che sulle rosse di Maranello anche sul compagno rivale Alonso, terzo al traguardo. 

Felipe Massa conferma il suo ottimo rapporto con il circuito turco, dove lo scorso anno ottenne la prima vittoria in Formula1. Partito dalla pole il brasiliano ha corso la sua solita gara di testa, arrivando al terzo successo stagionale. 
Bravo anche Raikkonen che in partenza supera Hamilton e tiene senza problemi la seconda posizione, portando la Ferrari alla seconda doppietta stagionale. 

In classifica dietro al britannico si avvicina Alonso ora distanziato solo di 5 punti. Massa e Raikkonen seguono rispettivamente a -15 e -16.
Nei costruttori gran passo in avanti della rossa staccata di 11 lunghezze dalla McLaren.  

Riccardo Marchese

Supercoppa SuperRoma

La Roma alza la Supercoppa italiana 2007. ReutersLa Roma si è aggiudicata la ventesima edizione della Supercoppa Italiana battendo per 1-0 l’Inter a San Siro con gol di De Rossi dal dischetto.
Il decisivo rigore è stato procurato da Totti, abile ad ingannare Burdisso con una finta. Per i giallorossi si tratta della seconda Supercoppa della storia dopo quella del 2001. 

Stoner e chi ti prende più!

A sei gare dalla fine il mondiale di motogp sembra aver trovato definitivamente il suo padrone. Casey Stoner vincendo anche il G.P della Repubblica Ceca, settimo successo stagionale, ha portato il vantaggio su Valentino Rossi a 60 punti. Il "dottore", distratto anche dai suoi problemi extra sportivi, ha chiuso solo al settimo posto, autore di una gara decisamente anonima. Salgono sul podio a fianco dell’ australiano della Ducati gli americani Hopkins (Suzuki) e Hayden (Honda).

250 Settima vittoria stagionale anche per lo spagnolo Jorge Lorenzo che sul tracciato di Brno precede Dovizioso. In classifica "Porfuera" ha ora un vantaggio di 30 punti sull’italiano e di 40 sul sanmarinese De Angelis, caduto e per questo solo undicesimo al traguardo.

125 Vittoria dello spagnolo Faubel che batte allo sprint Mattia Pasini. La lotta per il titolo resta sostanzialmente a due: Faubel 179, Talmacsi 169. 

Riccardo Marchese

Sampdoria, ultima chiamata per Cassano

Antonio Cassano e il Real Madrid: un matrimonio da mani nei capelli. AfpIl mondo dello sport è pieno di campioni dalla "testa calda", uno di questi è sicuramente Antonio Cassano. Ex talentino di Bari vecchia, pupillo e figlioccio di Capello (poi ripudiato), frantumatore di bandierine nelle esultanze, imitatore (dello stesso Capello) ed imitato, fautore delle "cassanate", insomma autentico esempio di "genio e sregolatezza" Antonio Cassano tornerà a giocare in Italia dopo un anno e mezzo. La coraggiosa scelta l’ha fatta la Sampdoria, prestito con diritto di riscatto fissato a 5 milioni di euro.
La parentesi di Cassano al Real Madrid non è stata esaltante, quattordici presenze in gare ufficiali e solo quattro reti, prigioniero di un ingaggio troppo elevato per poter andare via. Più di 4 milioni a stagione che nella prossima saranno pagati per un terzo dalla Sampdoria e per due terzi dai galacticos. Un ulteriore clausola dovrebbe prevedere un premio per il Real in caso di vendita futura di Cassano ad un prezzo superiore a quello d’acquisto.

Con l’arrivo dell’ex romanista la Samp completa un reparto offensivo di tutto rispetto, sacrificato Quagliarella sono arrivati Caracciolo, Bellucci, Montella e lo stesso Cassano, senza dimenticare il giovane Foti e Bonazzoli, unico reduce della scorsa stagione.

Riccardo Marchese

G.P. Ungheria: vince Hamilton, secondo Raikkonen

Podio con Raikkonen (a sinistra) e Heidfeld. Reuters

Lewis Hamilton ha vinto il G.P d’Ungheria, undicesima prova del mondiale di formula1. Il pilota della McLaren ha preceduto sul traguardo dell’Hungaroring la Ferrari di Raikkonen e la Sauber-Bmw di Heidfeld.

CASO ALONSO Quarto posto per il campione del mondo in carica Alonso, protagonista delle qualifiche. Lo spagnolo aveva infatti conquistato la pole, ma è stato poi declassato in sesta posizione sulla griglia per aver ostacolato l’ultimo tentativo del compagno di squadra Hamilton. Alonso in pratica era rimasto fermo nella piazzola di sosta ai box, impedendo al britannico di fare il pit stop e rientrare in pista in tempo utile. Sempre per questo motivo alla McLaren non verranno assegnati nella classifica costruttori i 15 punti ottenuti qui in Ungheria.

MASSA Week end da dimenticare per Felipe Massa. Partito dalla settima fila, per un problema di comunicazione con i box, il brasiliano non è riuscito a rimontare se non una posizione.
Si confermano dunque le difficoltà in casa Ferrari nel gestire al meglio le due vetture: solo due volte entrambe sul podio contro le sei volte della McLaren.

CLASSIFICHE Con il terzo successo personale Hamilton si porta a quota 80 e precede Alonso 73, Raikkonen 60 e Massa 59.
Nel mondiale costruttori McLaren ferma per la penalizzazione a 138 punti contro i 119 della Ferrari. Terza forza incontrastata la Sauber-Bmw con 71 punti.

Riccardo Marchese

Il Milan ha scelto Pato

Kakà, Gilardino, Ronaldo, Inzaghi e … Pato. Il Milan ha completato finalmente il suo attacco dopo un’estate di voci e di acquisti apparsi fatti ma poi smentiti (Suazo).

Alexandre Pato, 18 anni da compiere il 2 settembre, arriva dall’Internacional di Porto Alegre, è costato 22 milioni di euro ed ha firmato un quinquennale da 2 milioni a stagione.
Il giovane brasiliano potrà scendere in campo in gare ufficiali solo da gennaio 2008, infatti essendo ancora minorenne potrà essere tesserato formalmente solo nella sessione di calciomercato invernale.               

L’ESODO CONTINUA Intanto dopo Toni, Lucarelli e Bianchi continuano i trasferimenti dei nostri attaccanti all’estero. Gli ultimi a partire sono due giovani ancora nel giro dell’Under21, Giuseppe Rossi e Graziano Pellè. Il primo terminato il prestito al Parma era tornato al Manchester United che lo ha ceduto per 11 milioni agli spagnoli del Villareal.
Per Pellè si è fatto avanti l’Az Alkmaar, club olandese allenato da Louis van Gaal, che ha pagato al Lecce 7,5 milioni di euro. 

INTER Chiuso il capitolo Chivu (alla Roma sono andati 13 milioni e la comproprietà di Andreolli) i nerazzurri hanno completato la rosa con il difensore Rivas dal River Plate e con il centrocampista cileno Jimenez, in prestito dalla Ternana con diritto di riscatto.
Voci dalla Spagna riportano intanto di un forte interessamento per Emerson. Il "Puma" sarebbe il ricambio ideale per Vieira che nell’ultima stagione ha spesso avuto problemi fisici.

Riccardo Marchese