Uno sport da ricostruire

Alexandre Vinokourov, 33 anni, ha abbondanato il Tour con tutta l'Astana. AnsaLa situazione attuale del ciclismo è drammatica. La misura era ormai colma da tempo ma il caso Vinokourov è una mazzata definitiva.
Il corridore kazako è risultato positivo dopo la cronometro vinta al Tour de France (14.a tappa). Nel suo sangue sono stati rinvenuti due diversi tipi di globuli rossi, segno inequivocabile dell’eterotrasfusione, una trasfusione di sangue compatibile di un donatore esterno. Dopo il fattaccio Vinokourov e la sua squadra, l’Astana, sono stati immediatamente allontanati dalla corsa francese.

"L’edizione più pulita degli ultimi 20 anni", è da un pò di tempo che al Tour si parte con questo presupposto ma i fatti puntualmente stravolgono tutto. Un anno fa ancor prima di partire vennero fermati Basso, Ullrich, Mancebo e lo stesso Vinokourov, poi venne fuori la positività di Landis, vincitore ma ancora sotto processo.
Quest’anno il "padrone" Rasmussen non doveva neppure essere in gara, irreperibile per la federazione danese e per questo escluso dalla nazionale per il mondiale. Poi il caso Sinkewitz, positivo al testosterone, con il conseguente abbandono delle televisioni tedesche non più disposte a sottostare agli inganni dei corridori, infine la vicenda Vinokourov.
Tutto questo solo per restare agli episodi più importanti connessi al Tour, ma la casistica è assai più ampia.

Il ciclismo è lo sport che più soffre la piaga del doping, forse perché il più impegnato a combatterlo, forse perché davvero troppo faticoso.
Soluzioni all’orizzonte non se ne vedono. Probabilmente inasprire le pene potrebbe servire da deterrente, chi bara non gioca più e addio seconda possibilità. Certamente sarebbe utile allontanarsi da quel sottobosco di medici o pseudotali che condizionano gli atleti e che continuano a tenere in ostaggio questo sport.
Infine il punto di vista dei più estremi, la liberalizzazione del doping, la possibilità di lasciar scegliere all’atleta se una vittoria vale davvero più della salute.

Riccardo Marchese

Annunci

Pubblicato il 25 luglio 2007, in Senza categoria con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: