Basket: ottavi amari

Andrea Michelori, nato il 20 febbraio 1978. ApCi siamo svegliati all’alba, era quasi buio, ma questa squadra meritava di essere seguita. Non è andata come volevamo. L’Italia è fuori dal mondiale. Ne esce dopo una gara dura ed equilibrata contro la Lituania, che nel finale sembrava voler far di tutto per perdere.
Partita sempre in bilico eccetto nell’ultimo quarto quando i baltici arrivano ad avere dieci punti di vantaggio. Una tripla più tiro libero di Mordente ed un canestro con palla recuperata di Di Bella ci rimettono in scia. Da qui solo errori ed occasioni mancate che fanno crescere il rimpianto e la rabbia.
Il finale è nervosissimo, da evitare per i sofferenti di cuore. Belinelli può pareggiare dalla lunetta, ma fa uno su due e siamo costretti al fallo. A sette secondi dalla fine mandiamo a tirare i lituani, che hanno un punto di vantaggio. Due errori ma rimbalzo per loro, siamo costretti di nuovo al fallo. Ancora due errori, ma sul secondo arriva il tapin. Sotto di tre punti Recalcati chiama time out per giocare gli ultimi spiccioli di partita da centrocampo. Serve una tripla, la palla arriva a Basile, la prova e subisce fallo, sono tre tiri liberi, generoso regalo della difesa lituana. Il capitano inguardabile per tutto il match ha l’ultima possibilità per portarci all’overtime. L’esultanza italiana si strozza in gola, zero su tre, zero come i punti di Basile in questo maledetto ottavo. Una sorta di contrappasso ripensando alla gara d’esordio contro la Cina.
Passa la Lituania, il punteggio finale è 71-68, noi torniamo a casa con le lacrime del capitano, con il rimpianto di aver perso contro una squadra alla nostra portata, ma anche con la convinzione che il basket italiano è vivo e che questa nazionale con l’inserimento di Bargnani potrà dire la sua in un futuro, speriamo, non troppo lontano.
Riccardo Marchese

Pubblicato il 26 agosto 2006, in Senza categoria con tag . Aggiungi il permalink ai segnalibri. 3 commenti.

  1. La speranza è che Bargnani si faccia “piccolo” come gli altri, che han fatto del sacrificio la loro arma per vincere 4 gare nel girone. Ps:tra il time-out di Recalcati ed i 3 liberi di Basile abbiamo sprecato un’altra occasione di ridurre, ossia altri due liberi di Belinelli sul ferro 😉

  2. Forse la sconfitta più amara per come è venuta, non certo per le aspettative di questo mondiale, definito a priori di transizione. Bah, squadra che deve crescere decisamente, Bargnani è un ottimo giocatore ma ancora lontano dall’essere una stella, il tutto IMHO.

  3. Io credo che l’importante sia che questa Nazionale abbia dimostrato, come al solito, un’anima e che sia sempre uscita dal campo a testa alta anche contro avversari di livello come USA, Portorico e Lituania. Il sorteggio non ci ha arriso, pazienza, ma fino all’ultimo siamo stati in corsa e questo è già qualcosa. Aspettando Bargnani, ovviamente. Io penso che potrà servirci, chiaro debba acquisire anche lui una certa mentalità.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: