Archivio mensile:agosto 2006

Ultimi colpi ma manca l’acuto

Si è chiusa alle 19 la sessione estiva del calciomercato, che non ha regalato, come accaduto invece negli ultimi anni, i fuochi d’artificio finali.
Il colpo del giorno lo ha messo a segno il Palermo che ha acquistato dal Chievo la punta Amauri. Per il brasiliano i siciliani sborseranno quasi 8 milioni di euro oltre al cartellino di Godeas.
Importante rinforzo per il Torino, dal Valencia arriva in prestito Stefano Fiore, che ha disputato l’ultima stagione alla Fiorentina.
Completa la rosa l’Inter che prende in prestito con diritto di riscatto per la comproprietà l’esterno del Palermo Mariano Gonzalez.
Ufficiale finalmente anche l’arrivo dell’attaccante Olivera al Milan. Brasiliano ventiduenne prelevato dal Betis Siviglia, già nel giro della nazionale, Olivera avrà il difficile compito di non far rimpiangere Shevchenko.
Da segnalare a livello internazionale un importante doppio acquisto del West Ham, avversario del Palermo in Uefa, che si è assicurato gli argentini Mascherano e Tevez.
Riccardo Marchese

La Ferrari vince con l’uomo sbagliato

Il brasiliano esulta: ha vinto con grandissimo merito. Afp

Felipe Massa, partito in pole position, ha conquistato il g.p. di Turchia, quintultima prova del campionato del mondo di F1. Terzo posto per l’altro ferrarista Michael Schumacher, preceduto al traguardo dal rivale per il titolo Fernando Alonso su Renault. Il vantaggio di quest’ultimo sul tedesco risale così a 12 punti, mentre nella classifica costruttori la Ferrari si avvicina ulteriormente alla casa francese, due punti da recuperare.
Momento chiave della gara l’incidente di Liuzzi, quando le rosse erano in prima e seconda posizione, seguite da Alonso. L’ingresso della safety car annullava il vantaggio e costringeva i primi al pit-stop. Qui lo spagnolo superava Shumi che si era messo in coda a Massa per attendere di rifornire. Al rientro in pista la prima guida Ferrari non ritrova più il ritmo sul giro e vedeva il compagno e l’avversario andare via. Decisivo poi un errore del tedesco nella mai amata curva 8.
Nel finale dopo l’ultima sosta Alonso riusciva a difendersi dall’attacco di Schumacher e a guadagnare due punti preziosi nella lotta al titolo.
 Riccardo Marchese

E’ la solita pazza Inter

A fine serata, foto di gruppo con trofeo. InsideL’Inter si è aggiudicata la diciannovesima edizione della Supercoppa Italiana battendo in rimonta la Roma per 4-3.
I nerazzurri sotto di tre reti, Mancini e doppietta di Aquilani, sono riusciti a recuperare grazie ai gol di Viera, altra doppietta, Crespo e Figo. Proprio il portoghese ha realizzato la segnatura decisiva su calcio di punizione durante i tempi supplementari.
Per l’Inter si tratta della terza supercoppa, la seconda consecutiva.
Riccardo Marchese

Basket: ottavi amari

Andrea Michelori, nato il 20 febbraio 1978. ApCi siamo svegliati all’alba, era quasi buio, ma questa squadra meritava di essere seguita. Non è andata come volevamo. L’Italia è fuori dal mondiale. Ne esce dopo una gara dura ed equilibrata contro la Lituania, che nel finale sembrava voler far di tutto per perdere.
Partita sempre in bilico eccetto nell’ultimo quarto quando i baltici arrivano ad avere dieci punti di vantaggio. Una tripla più tiro libero di Mordente ed un canestro con palla recuperata di Di Bella ci rimettono in scia. Da qui solo errori ed occasioni mancate che fanno crescere il rimpianto e la rabbia.
Il finale è nervosissimo, da evitare per i sofferenti di cuore. Belinelli può pareggiare dalla lunetta, ma fa uno su due e siamo costretti al fallo. A sette secondi dalla fine mandiamo a tirare i lituani, che hanno un punto di vantaggio. Due errori ma rimbalzo per loro, siamo costretti di nuovo al fallo. Ancora due errori, ma sul secondo arriva il tapin. Sotto di tre punti Recalcati chiama time out per giocare gli ultimi spiccioli di partita da centrocampo. Serve una tripla, la palla arriva a Basile, la prova e subisce fallo, sono tre tiri liberi, generoso regalo della difesa lituana. Il capitano inguardabile per tutto il match ha l’ultima possibilità per portarci all’overtime. L’esultanza italiana si strozza in gola, zero su tre, zero come i punti di Basile in questo maledetto ottavo. Una sorta di contrappasso ripensando alla gara d’esordio contro la Cina.
Passa la Lituania, il punteggio finale è 71-68, noi torniamo a casa con le lacrime del capitano, con il rimpianto di aver perso contro una squadra alla nostra portata, ma anche con la convinzione che il basket italiano è vivo e che questa nazionale con l’inserimento di Bargnani potrà dire la sua in un futuro, speriamo, non troppo lontano.
Riccardo Marchese

Champions: sorteggiati i gironi

Prende forma la Champions League edizione 2006/07 con il sorteggio degli otto gironi della prima fase. La massima competizione europea per club vedrà impegnate tre squadre italiane, Inter e Roma ammesse direttamente, e il Milan che ha superato la Stella Rossa nel preliminare. Urna benevola soprattutto con il Milan inserito nel gruppo H con i francesi del Lille, i greci dell’AEK Atene e i belgi dell’Anderlecht.Va bene anche alla Roma che partiva dalla condizione di svantaggio della seconda fascia. Capitolini nel gruppo D con gli spagnoli del Valencia, i greci dell’Olympiakos e gli ucraini dello Shakthar.Equilibrato il girone dell’Inter con Bayern Monaco, Sporting Lisbona e i russi dello Spartak.

GRUPPO A: Barcellona, Chelsea, Werder Brema, Levski Sofia.

GRUPPO B: Inter, B.Monaco, Sorting Lisbona, Spartak Mosca             

GRUPPO C: Liverpool, Psv, Bordeaux, Galatasaray.

GRUPPO D: Valencia, Roma, Olympiakos, Shakthar Donetsk.

GRUPPO E: Real Madrid, Lione, Steaua Bucarest, Dinamo Kiev.

GRUPPO F: Manchester United, Celtic Glasgow, Benfica; Copenaghen.

GRUPPO G: Arsenal, Porto, Cska Mosca, Amburgo.

GRUPPO H: Milan, Lille, AEK Atene, Anderlecht

                      

Italbasket seconda solo agli Usa

Splendido Michelori: il canestro a tutti i costi. (Afp)Grazie alla vittoria sul Portorico l’Italia chiude al secondo posto del girone preliminare ed accede così agli ottavi di finale dove affronterà la Lituania, terza nel suo gruppo dietro Grecia e Turchia.
Il bilancio azzurro è più che buono, quattro successi ed una sola sconfitta nel match impossibile contro il Dream Team americano, dopo una partita giocata alla pari che ci aveva visto avanti anche di 12 punti.
In classifica ci mettiamo dietro la Slovenia e la Cina, entrambe qualificate, con la prestazione odierna mandiamo a casa il Portorico, battuto 73-72, mentre chiude mestamente ultimo il Senegal che ci aveva fatto soffrire più del dovuto.
La buona posizione nel girone non ci premia in fase di accoppiamento, incontreremo la Lituania nostra avversaria nella semifinale all’Olimpiade di Atene. Allora fu una sfida fantastica, una delle più belle di sempre della Nazionale anche perché battendo i baltici raggiungemmo la finale olimpica, dove fummo sconfitti dall’Argentina.
Ad attenderci nei quarti la vincente della sfida Spagna – Serbia Montenegro, ma prima servirà la migliore Italia e soprattutto il migliore Basile.
Riccardo Marchese 

L’Italia si ripete

Marco Belinelli: la sua stella inizia a brillare sul Sol Levante. reuters

Dopo la brillante prestazione offerta contro la Cina, l’Italbasket ha vinto la seconda gara dei mondiali, in corso di svolgimento in Giappone, contro la Slovenia, avversario di ben altro spessore.
Dopo essere stati sotto anche di 14 punti, con un passivo di 7-0 iniziale, gli azzurri hanno reagito già nel secondo quarto, strabiliando poi nel terzo, 23-13 di parziale. Gli ultimi dieci minuti sono un alternarsi di emozioni: scappiamo a +6 ma due palle giocate male con conseguenti triple avversarie ci riportano in parità, quindi siamo noi ad andare sotto di 6 punti ma abili a non arrenderci grazie anche allo strepitoso rush finale di Soragna, 9 punti per lui, tutti negli ultimi minuti, che ci consentono il definitivo controsorpasso. Risultato finale 80-76.
Se la vittoria sui cinesi era arrivata grazie a Basile, poco utilizzato oggi per farlo recuperare al meglio, questa sugli sloveni ha mostrato al mondo Marco Belinelli, venti anni, guardia della Climamio Bologna, autore di 26 punti con tre triple ed una percentuale impressionante dalla lunetta.
Citazione d’obbligo anche per Denis Marconato, semplicemente perfetto sui rimbalzi difensivi e vicino alla doppia cifra nei punti realizzati, 9 con una tripla che per un centro è sempre da sottolineare.

L’Italia dopo due giornate guida a punteggio pieno il proprio girone in coabitazione con gli USA, strafavoriti per la vittoria finale. Prossimo impegno contro il Senegal, sulla carta l’avversario più debole da affrontare.
Riccardo Marchese
 

Mondiali di basket: buona la prima

Luca Garri non ha fatto il turista con la Muraglia ciense. Ansa

Esordio con vittoria per l’Italia contro la Cina alla quindicesima edizione dei mondiali di basket.
Gli azzurri hanno sconfitto la squadra del gigante Yao Ming con il punteggio di 84-69 grazie ad una straordinaria partita di Gianluca Basile, autore di 27 punti.
Primi due tempi di grande equilibrio con l’asso cinese NBA messo in difficoltà dall’assillante marcatura di Mason Rocca, bravo a limitarlo e a tenerlo lontano da sotto canestro, zona preferita per uno alto 2m e 20. L’Italia esce fuori alla distanza, dalla metà del terzo quarto, riesce a costruirsi un vantaggio che cresce nel finale ed è in parte frutto del buon lavoro dei nostri tiratori da fuori Basile, Garri, Soragna e Belinelli a differenza dei nostri avversari che trovano la prima tripla a partita compromessa. I cinesi puntano tutto su Yao Ming che nonostante le nostre attenzioni è il miglior marcatore della sfida con 30 punti.
Domani ci aspetta la Slovenia, bestia nera del c.t. Recalcati sconfitto quattro volte su quattro. Avversario di ottimo livello gli sloveni chiariranno le ambizioni di questa Italia piaciuta molto nella gara d’apertura.
Riccardo Marchese

Baldini trionfa nella maratona europea

Stefano Baldini, 35, campione d'Europa. Reuters

Stefano Baldini ha vinto la medaglia d’oro nella maratona agli Europei di Atletica leggera in corso di svolgimento a Goteborg. L’atleta già campione olimpico ad Atene ha dato sempre l’impressione di controllare la gara, staccando poi nel finale l’unico avversario in grado di resistergli, lo svizzero Rothlin. L’Italia si è anche aggiudicata la coppa Europa di maratona, una sorta di classifica a squadre che ci aveva visto primeggiare anche al femminile.
Baldini ritrova così il titolo europeo che fu già suo nel 1998 a Budapest, quando arrivò per i nostri colori una storica tripletta.
Per l’Italia si tratta della terza medaglia in questa rassegna, la seconda d’oro dopo quella di Andrew Howe nel salto in lungo. Un bottino che seppur qualitativamente migliore di quello dello scorso europeo, a Monaco vincemmo un oro e tre bronzi, evidenzia lo stato d’agonia dell’atletica italiana.
Non ultime le delusioni di Gibilisco nel salto con l’asta, eliminato dopo aver saltato solo 5.50, e della staffetta 4×100 maschile solo sesta dopo un brutto primo cambio Verdecchia-Anceschi, con quest’ultimo che è partito in anticipo.
LE PERLE DI STEFANO BALDINI:
  • 1998  EUROPEI      BUDAPEST      Oro
  • 2001  MONDIALI    EDMONTON     Bronzo
  • 2003  MONDIALI    PARIGI          Bronzo
  • 2004  OLIMPIADE   ATENE           Oro
  • 2006  EUROPEI      GOTEBORG     Oro
Riccardo Marchese

Inter regina del mercato

Lo svedese Zlatan Ibrahimovic, 24 anni. ReutersDopo Grosso, Vieira e Crespo l’Inter ha acquistato anche Zlatan Ibrahimovic dalla Juventus confermadosi la squadra più attiva in questa fase di mercato.
I nerazzurri verseranno nelle casse bianconere 24,8 milioni di euro, mentre il calciatore svedese ne percepirà 4,6 all’anno per 4 anni.
Resta a bocca asciutta quindi il Milan che aveva a lungo seguito Ibrahimovic. Per i rossoneri torna d’attualità la pista Fernando Torres, attaccante spagnolo che milita nell’Atletico Madrid, e spunta a sorpresa il nome di Ronaldo. Milan che resta comunque in contatto con la Juve per arrivare a David Trezeguet, giocatore che Deschamps ritiene però incedibile.
In serie b nuovo colpo per il Napoli che ha acquistato a titolo definitivo Samuele Dalla Bona dal Milan, nell’ultima stagione alla Sampdoria. Il centrocampista ha firmato per 4 anni e guadegnerà 700.000 euro a stagione.
Riccardo Marchese